Tag: Scritti

Maggio: il Mese di Maria

La pratica del mese di maggio mariano nasce come una modesta devozione, semplice e privata, a carattere strettamente familiare. Vive a lungo come appartata, soprattutto nelle classi sociali medie e povere, nel territorio specificamente italiano, e da qui poi si diffonde. Prende forme diverse nei luoghi dove è praticata, non ha regole, ma si affida all’amore spontaneo del popolo per… Read more →

1° maggio

Il 1° maggio, fissata come giornata mondiale per fare memoria del massacro di lavoratori che chiedevano orari e condizioni di lavoro rispettosi dei diritti umani, introdotta in Italia nel 1890, a tutt’oggi ha conservato la sua valenza sociale e civile, anche se non è del tutto libera dal marketing, la macchina più potente di questi tempi. La Chiesa dal 1955… Read more →

Far Pasqua!

Già da qualche domenica, prima di Pasqua, don Vincenzo ricordava ai suoi fedeli il precetto di «far pasqua» e comunicava i tempi e le modalità. In quel periodo nulla e nessuno riusciva a farlo assentare dalla parrocchia: voleva essere presente in qualsiasi ora del giorno, disponibile per chiunque si avvicinasse alla chiesa per chiedere la confessione e la comunione. La… Read more →

L’abbraccio…di Gesù

Sull’altare maggiore della Chiesa campeggiava un grande crocifisso. Durante la Quaresima don Vincenzo era solito, per la sua meditazione quotidiana, soffermarsi a contemplare il Cristo in Croce. Non trascurava altre immagini presenti nella stessa chiesa che narravano la passione e la morte di Gesù. In un altare laterale, infatti, la devozione dei fedeli aveva appeso un quadro con una «deposizione».… Read more →

La flagellazione di Gesù

«Ecco un nuovo spettacolo, una nuova scena atroce. Gesù spogliato, attaccato ad una colonna, flagellato, circondato da una turba di popolo curioso e di soldati crudeli. Quale orrore! Nella flagellazione Gesù oltre ai dolori fisici patì la vergogna. Egli ha voluto soffrire per insegnarci a correggere in noi due disordini, cioè quello di non aver vergogna a fare il male… Read more →

Il giudizio della folla contro Gesù

«Era troppo istruito Pilato per non conoscere che le accuse contro Gesù erano false. Per questo volle salvarlo ricorrendo all’uso giudaico, a Pasqua, di salvare un reo. Propose la scelta tra Gesù e Barabba: e sperava molto nel suo ritrovato. Ma che cosa non può fare l’odio e l’accecamento? ”Non costui ma Barabba”, ecco la risposta che ebbe Pilato. Perché… Read more →