Categoria: Vincenzo Grossi: Santo

Corpus Domini

La festa del Corpus Domini, così come le Quarantore, erano per il parroco don Vincenzo il momento favorevole per meditare con i suoi fedeli sulla presenza del Signore nell’Eucaristia. Focalizzava la sua predicazione soprattutto sul Tabernacolo, dove sono custodite le specie eucaristiche per l’adorazione e la devozione dei fedeli. Lamentava la distrazione e la superficialità di molti verso tale presenza… Read more →

Don Vincenzo e il filo che… lo tratteneva

«Don Vincenzo, avete una presa di tabacco da darmi?» gli chiese il parroco di Gussola prima di iniziare la consueta riunione mensile. Don Vincenzo, istintivamente, cercò sotto il tabarro la scatoletta del tabacco, senza trovarla, e subito un altro confratello gli domandò: «Continuate ad avere i soliti mal di testa e il tabacco vi porta qualche sollievo?» «Ma non ve… Read more →

I fioretti di don Vincenzo: Solennità e sobrietà

«È arrivato il libro rosso da Roma!», incominciarono a dire le suore di casa madre nei corridoi e nel giardino. «È arrivato il libro rosso da Roma!» ripetevano bisbigliando tra loro le novizie, senza sapere di che cosa si trattasse, anche se immaginavano fosse qualcosa di molto importante perché tutte erano state convocate in cappella per il canto del Te… Read more →

I fioretti di don Vincenzo: Rivestitevi di Cristo

«Il vostro guardaroba non ha un abito decentemente presentabile», disse suor Martina a don Vincenzo quel giorno, così come ogni volta che veniva a Vicobellignano. «La vostra volontà di praticare la povertà non è  una ragione per andare a visitare le nuove comunità, i parroci e magari anche i vescovi con una veste in condizioni pietose per quanto è scolorita… Read more →

I fioretti di don Vincenzo: Non di solo pane vive l’uomo

Don Vincenzo arrivò a Buzzoletto che era ormai sera. In canonica lo aspettava il suo amico don Corbari che lo aveva invitato per predicare le quarantore. Poiché era quasi ora di cena, la domestica molto servizievole, gli chiese che cosa desiderasse. «Una bella polenta con formaggio», rispose don Vincenzo avendo già sperimentato la bravura della donna. Ma don Corbari suggerì… Read more →

22 maggio 1869: «Sacerdote» e «Padre»… per sempre

Quel 22 maggio 1869, giorno in cui fu consacrato sacerdote, chissà quante cose don Vincenzo aveva in mente e in cuore di fare. Sicuramente non aveva l’intenzione di fondare una congregazione di suore. Nemmeno l’ombra. Eppure noi, Figlie dell’Oratorio, siamo state concepite nel suo sacerdozio, nel suo essere stato sacerdote. Lo Spirito ha avuto bisogno di tempo e di circostanze… Read more →