Tag: Christus vivit

Dammi un cuore che ascolta

«Quando ci capita di aiutare un altro a discernere la strada della sua vita, la prima cosa è ASCOLTARE» (CV 291). Quando l’altro ci parla di quello che sta vivendo, delle sue aspirazioni, dei suoi timori, dei suoi sogni e dei suoi affanni, dei suoi affetti, occorrono grande rispetto e delicatezza. Il n. 292 della Christus Vivit evidenzia che «si… Read more →

Si tengano in continuo contatto con le giovani

«Si tengano in continuo contatto con le giovani». È un’espressione coniata da San Vincenzo, presente nelle Prime Regole scritte da lui stesso per l’Istituto nascente, che ha l’autorevolezza di un programma. Secondo la mentalità e la sensibilità del tempo, i parroci potevano accostare le giovani con maggior difficoltà e, quindi, queste sfuggivano ad un processo di formazione più continuativo e… Read more →

Dalla scorza al nocciolo

«La pastorale giovanile, così come eravamo abituati a portarla avanti, ha subito l’assalto dei cambiamenti sociali e culturali. I giovani, nelle strutture consuete, spesso non trovano risposte alle loro inquietudini, alle loro esigenze, alle loro problematiche e alle loro ferite» (CV 202). Probabilmente il mondo adulto si trova spiazzato davanti a quello giovanile perché non sa di preciso in cosa consistano… Read more →

Come acqua di ruscello

«Proprio nell’insoddisfazione che vi tormenta c’è un elemento di luce», diceva Paolo VI ai giovani già nel 1970. Papa Francesco riprende questo assunto fin dall’inizio del suo pontificato, con l’invito ai ragazzi a fare «lìo» – chiasso –  e mettendolo nero su bianco anche nella Christus Vivit al n. 138: «L’inquietudine insoddisfatta, insieme allo stupore per le novità che si presentano… Read more →