Celebriamo la solennità di Cristo Re dell’universo

In questa domenica, per la prima volta indicata dal papa come la GMG da celebrare a livello locale, ai giovani che conoscono quasi esclusivamente i re delle fiabe, occorre liberare la figura di Cristo, re dell’universo, dalle prerogative dell’uomo forte che mette i paletti, o risolve i problemi, possibilmente in fretta. Come nelle fiabe, appunto, dove la figura del re o dell’uomo forte trasforma sempre le tragedie in un «…e vissero tutti felici e contenti».

La regalità di Gesù, che non è di questo mondo, va ripulita non solo dalle categorie storiche, ma anche da una iconografia sacra trionfalistica poco interpretativa della verità.

Gesù è un Re, che ben si adatta alla condizione giovanile dove tutto è in divenire. Sa aspettare: rispetta i cicli delle stagioni come i processi del seme e del lievito, non dà risposte rassicuranti ai suoi interlocutori ma pone domande perché si interroghino anziché aspettare, come bambini, che ci sia qualcuno a dire loro tutto quello che devono fare. Gesù coniuga più frequentemente i «se vuoi…, che cosa vuoi…, che cosa cercate…, voi che ne dite…» piuttosto che: «Adesso, fai come ti dico io…». Indugia con i suoi interlocutori con parabole da interpretare anziché enunciare dogmi per sgombrare il terreno da ogni dubbio.

È impegnato a far maturare passo dopo passo, a rendere liberi e responsabili, nella decisione di seguirlo. E se capiterà di sbagliare, questo va detto ai giovani, Lui non è un re che inscena processi ed emette sentenze, è un re che offre possibilità inedite a tutti.

Se è proprio della condizione giovanile volere «tutto e subito», «bruciare le tappe», Gesù si propone e dopo di Lui ogni educatore, con pazienza, apertura, affetto perché non tratta come sudditi, ma come amici. La sua regalità non mortifica né limita ma promuove la vita in abbondanza.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: