Alla viglia della partenza per la missione….

Confusione e sorpresa sono i due stati d’animo di suor Federica adesso che è incominciato il conto alla rovescia per la sua partenza per l’Ecuador. Più forte e consapevole la confusione in questa vigilia, ancora latente la sorpresa, perché quella  sarà di dopo, quando incomincerà a familiarizzare con i volti delle persone, a riconoscerle e a scoprire che lo Spirito con i suoi prodigi l’ha preceduta, anzi era in missione dal «principio»!

È lo stesso stato d’animo che ha vissuto la Vergine Maria – come ha ricordato don Olivo durante l’incontro di preghiera con cui abbiamo augurato il buon viaggio a suor Federica -quando si è messa in cammino per andare a visitare la cugina. Maria, infatti, era nell’apice della confusione dopo la visita dell’angelo, e al suo arrivo nella casa della parente ha trovato la  sorpresa: lo Spirito di Dio l’aveva preceduta nella gravidanza benedetta di Elisabetta.

Don Olivo aggiungeva poi : «Parti, carissima, con la certezza che lo Spirito Santo è già presente ed attivo dove sei inviata. Si tratta di riconoscerne i segni, salvaguardarli e promuoverli».

E don Luca Maisano, concludendo l’incontro, ha completato questa prospettiva dicendo: «Chi riceve il mandato per la missione ad gentes ha il compito di riportare alla comunità che l’ha inviata  “qualcosa” che là ha incontrato perché nella circolarità dei doni cresca la comunione ecclesiale».

La partenza di suor Federica, la sua disponibilità come la sua gioia e anche il suo realismo tratteggiato dalla confusione e dagli interrogativi, è una scintilla che può ravvivare il fuoco della missione anche per quante di noi la stanno svolgendo a chilometro zero.

Questo slideshow richiede JavaScript.

  0 comments for “Alla viglia della partenza per la missione….

  1. suor Federica
    16/05/2017 at 13:38

    …”Maria, infatti, era nell’apice della confusione dopo la visita dell’angelo, e al suo arrivo nella casa della parente ha trovato la sorpresa: lo Spirito di Dio l’aveva preceduta nella gravidanza benedetta di Elisabetta”.

    Per ora siamo alla fase uno, l’apice della confusione. Attendiamo con fiducia e speranza la fase due, quella della sorpresa!

    Grazie a tutti tutti tutti quelli che mi stanno sostenendo con la preghiera, l’amicizia, l’affetto, il silenzio… che io sia già alla fase due senza che me ne sia resa conto???? La sorpresa è grande nel vedere l’abbondanza dei segni con cui lo Spirito è già​ presente nella mia vita…e grande è la gratitudine…

    LA VIA È APERTA… BISOGNA ANDARE!!!!

  2. 24/05/2017 at 22:51

    Confusione e sorpresa sono i sentimenti dell’uomo davanti al mostrarsi di Dio. Essere mandati è un modo di manifestarsi di Dio, nel missionario possiamo cogliere il volto di Dio che si fa vicinanza, solidarietà e accoglienza incondizionata! Grazie Feffe per il tuo Si pieno, cosciente, fiducioso! San Vincenzo ti doni la grazia di vivere in pienezza questo regalo della missione!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: